Condividi questa pagina sui Social Network:
pdf stampa e-mail aggiorna la pagina

Notizia

Il gruppo del Percorso Genitori dell’Istituto continua il suo cammino nella Fede

Pubblicazione | 16.01.2013

Ciao a tutti!
Sabato 12 gennaio l’A.C. dell’Istituto ha ripreso le sue attività, tra queste, anche gli incontri di formazione, sempre più affollati, per TUTTI i Genitori di buona volontà.

L’incontro, magistralmente guidato da fra Vincenzo (frate minore dell’Antoniano di Roma) ha portato i Genitori a chiedersi quale credibilità abbiano nel testimoniare la loro fede in Cristo. Detto così, per quanto complicato sia, sembra facile;ma dato che non lo è ha fatto da guida nella riflessione la figura di Pietro.

Nessuno, più del successore di Cristo, è rimasto nel tempo, ed è, l’emblema dell’umanità della Fede, una fede che con fatica, paura e limitazioni, non comprende ma si consegna!
Una fede che Gesù stesso va a cercare, andandolo ad incontrare su quelle rive che quotidianamente lo vedevano stanco ma appagato.

Quante volte capita anche a noi:la tentazione di accontentarci, di non voler rompere un equilibrio che sembra bastarci… ed ecco la chiamata alla conversione! Pietro è un uomo che sa il fatto suo. E’ pescatore da una vita. Le reti per lui non hanno segreti. Ma quando incontra il Pescatore compie anche azioni “insensate” e getta le reti sulla Sua parola, sulla parola di un falegname!
Pensate a quanto può essere stato snervante ed incomprensibile per Pietro, eppure il suo cuore si attende molto per questo sarà degno della fiducia di Gesù che userà la sua barca come prima cattedra!

Pietro, come e più di noi, sa di essere un peccatore. E’ un uomo che prova paura. E’ un uomo che fugge e tradisce, ma che poi si inginocchia davanti a Dio perché ha nel cuore la consapevolezza di essere al cospetto del Salvatore e questo lo spinge in cammino nella Fede.
Forse le mani di un pescatore non hanno per noi una grande attrattiva: sono certamente callose, ruvide e sgraziate; ma farsi prendere per mano da Pietro sulla via della Fede, significa restare discepoli senza rischiare di chiederci più di quello che sappiamo dare. Pronti ad essere noi stessi secondo la Sua volontà.

Al prossimo incontro.

Pace e bene a Voi!

Carmela