Condividi questa pagina sui Social Network:
stampa e-mail aggiorna la pagina

Speciale

Speciale GMG 2013. Le orme di Rio portano a Roma: BENTORNATO SANTITA’!

Pubblicazione | 29.07.2013

Inno GMG 2013 Testo GMG 2013

Bentornato Papa Francesco!!!!

Si! Mi viene dal cuore, anche perché senza il Papa a Roma sembra mancare veramente qualcosa! Stamattina, il nostro Pastore è tornato a casa. Ha ampiamente superato la “prova”.

Chi si aspettava un attacco di nostalgia è stato deluso: il tirocinio di Papa Francesco è completamente terminato: da vescovo di Buenos Aires a vescovo di Roma non c’è una scuola, ma soltanto un atto di fede.

Questo atto di fede ha prodotto l’incontro con milioni di giovani, ha scrostato le abitudini della Chiesa stordita da troppi scandali, ha intenerito il cuore dei non credenti, ha rinvigorito chi per amor di Dio vive e messo in allerta chi dietro a Dio si nasconde!

Rio è stato il pretesto per far suonare a festa le campane di tutto il mondo, ma dopo la festa, si torna al quotidiano e alle proprie responsabilità.

Siamo pronti? Attenti a rispondere, perché se la risposta è “si” allora la palestra di Dio è vi aspetta e c’è posto per tutti; ma se la risposta è “no”, allora non fate parte della Chiesa! Si.

Non fate parte di questa Chiesa che ha come Pastore e guida Papa Francesco.
La scusa dei tempi lunghi di Dio è finita, anzi, per i puri di cuore non c’è mai stata. E’ ora di essere e con questo essere fare!

Domani, noi lo sappiamo prima, i giornali riporteranno la notizia che Papa Francesco prima di tornare in Vaticano ha voluto tornare a Santa Maria Maggiore. E’ andato a dire grazie a Colei che lo ha protetto e a cui aveva affidato il Suo fare. Ha pregato e poi, ha lasciato un segno tangibile della sua gratitudine: una maglietta ed un pallone!

Regali ricevuti dai giovani e ritenuti tanto preziosi da essere offerti a Lei. Regali che ci dicono quale strada è da seguire: rivestirsi di  una fede seria, giovane e allegra per essere disposti a condividere e fare fatica.

- La fatica che insieme al nostro geniale webmaster abbiamo fatto perché nessuno di voi fosse escluso da questo evento, e ne siamo felici.

- La fatica che il Santo Padre emerito ogni giorno rinnova nel voler rimanere silenzioso e nascosto, quando sappiamo essere il primo e sicuro confidente di Papa Francesco.

- La fatica di condividere, prendendone atto, di come il dono della Vita nella sua unicità, resta un viaggio che comincia veramente solo quando  finiscono le certezze e comincia la Fede.

Bentornato Santità, rimbocchiamoci le maniche perché abbiamo molto da fare: c’è una nuova semina da far crescere ed i tempi di Dio, lo abbiamo imparato, non sono poi così lunghi!!!!

Dio sia lodato!

Carmela